Questo sito contribuisce
all'audience di

Troppo stanchi? Ecco cosa è la sindrome da fatica cronica

La stanchezza può essere una sindrome: lo sapevi? Ecco cosa è la sindrome della stanchezza cronica

di Redazione

02 Luglio 2014



A tutti capitano dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, spesso dovuti a stress o a periodi di lavoro particolarmente intensi.  Si tratta di un tipo di stanchezza che migliora con il riposo o con l’allontanamento dalle preoccupazioni. Può invece capitare che la stanchezza diventi cronica e cioè si soffre della sindrome da fatica cronica, il cui acronimo è SFC. Si tratta di una vera e propria patologia subdola, difficile da accertare e, per taluni versi, ancora poco conosciuta.

La sindrome da fatica cronica si manifesta con forti cefalee, debolezza ed incapacità di svolgere attività fisiche e mentali; non di rado, il paziente manifesta una tendenza alla depressione. I suoi sintomi sono poco precisi ed appartengono anche a patologie differenti, compresi i problemi psicologici.

Perchè si possa parlare di SFC il malessere deve perdurare da almeno sei mesi e deve essere presente uno stato di astenia e di prostrazione che impedisce le attività che, fino a poco tempo prima, erano considerate nella norma. Fra i sintomi rientrano anche il mal di gola, l’ingrossamento dei linfonodi, l’insonnia ed incapacità di riprendersi dalla fatica. Molti pazienti non riescono a concentrarsi, presentano difficoltà mnemoniche, disorientamento e poca concentrazione; inoltre, il sonno non è mai sufficiente e può essere poco sereno ed agitato. Dopo aver compiuto un’attività impegnativa, il soggetto non riesce a recuperare le energie e manifesta uno stato di spossatezza acuta.

Il quadro cinico della sindrome da fatica cronica è molto complesso e variabile, esso può comprendere stati di ansia, stress o dolori anche di tipo muscolari, spesso piuttosto intensi; in alcuni casi si regista un’importante perdita di peso, febbre ed intolleranze alimentari.

La sindrome da fatica cronica, in genere, riguarda in numero maggiore le donne anche se gli individui di sesso maschile non nè sono del tutto esenti.

Le cause di questa patologie sono molteplici e comprendono infezioni, reazioni autoimmuni ma anche momenti di grande fatica e stress. Se non adeguatamente affrontata o se trascurata può arrecare altri disturbi, in particolare di natura psicologica: depressione, frustrazione ed irritabilità. Chi soffre di questa patologia, nei casi più gravi, è quasi completamente impossibilitato nel svolgere le attività quotidiane ed ha bisogno di un sostegno costante.

Il modificarsi delle proprie capacità cognitive e fisiche pone il paziente davanti a numerosi problemi, non ultimo la difficoltà nel svolgere un lavoro o nell’occuparsi della propria famiglia.

La sindrome da fatica cronica si evolve in maniera differente, in base al soggetto preso in esame;  è possibile che diventi causa dell’impossibilità di svolgere le azioni anche più semplici come per esempio camminare. La SFC, non di rado, può regredire per poi ripresentarsi a distanza di tempo, senza alcun preavviso.

In base ai sintomi e alla gravità del quadro clinico, viene proposta una cura personalizzata che sia in grado di alleviare il dolore favorendo la ripresa del proprio stile di vita. Quando la patologia è meno importante, lo specialista potrebbe suggerire delle modifiche alle abitudini quotidiane, in favore di un’esistenza meno caotica ed impegnativa. Il medico valuterà se sia necessari, o meno, dei farmaci che risolvano il problema dell’insonnia e della depressione.

E’ bene che il paziente impari a riconoscere i propri limiti, a svolgere una vita meno stressante e frenetica, concedendosi dei momenti di riposo assoluto. Per contrastare alcuni sintomi della fatica cronica, potrebbe essere utile dedicarsi ad attività che riequilibrino il rapporto fra corpo e mente, come il pilates e lo yoga.

Leggi anche

Seguici