Questo sito contribuisce
all'audience di

Dalle sigarette ai pantaloni aderenti, Cause della Cellulite che non ti aspetti

Tante le cause della cellulite, in particolar modo lo stile di vita, anche se è preponderante una componente genetica.

di Daniele Lisi

01 Luglio 2014



CelluliteLa cellulite, tante le cause, dai pantaloni stretti alle sigarette, e adesso che si avvicina l’estate, anche se oggettivamente sta andando alquanto a rilento,  il solo pensiero di mettere in mostra quello che non si vorrebbe mai mettere in evidenza, mette un po’ di angoscia a tutti, uomini e donne, anche se poi sono queste ultime ad essere le principali interessate dall’inestetismo, perché gli uomini al di fuori di un po’ di pancetta più o meno evidente, con la cellulite hanno ben pochi rapporti, del tutto eccezionali. Ecco che allora si è costrette a coprirsi, anche con il solleone, e solo le più coraggiose in un certo senso fanno finta di nulla e lasciano in bella mostra i loro problemi estetici. Senza poi contare la corsa affannosa alle diete più o meno efficaci, la frenetica ricerca di qualche rimedio che possa rimettere le cose a posto in breve tempo, quasi come se fosse una bacchetta magica, ma questa purtroppo non esiste se non nelle fiabe, per cui bisogna accontentarsi di ciò che si riesce ad ottenere in poco tempo, ovvero poco o nulla.

Quindi, bisogna cominciare a pensare alla cellulite sin d’ora, però con la consapevolezza che i risultati si vedranno a lungo termine, senza quindi ridursi all’ultimo minuto, quando ormai non c’è più tempo per porvi in qualche modo rimedio. Ovviamente, meno marcata sarà la cellulite, migliori saranno i risultati che si potranno ottenere anche se è bene sapere che, in fondo, una vittoria su tutta la linea è difficile da riportare. Quindi, la parola d’ordine, come al solito, è prevenzione, per cui è bene cercare di limitare al massimo tutte quelle azioni, alimentazione compresa, che sono responsabili della comparsa della cellulite, senza poi dimenticarsi che vi è anche una componente genetica di cui difficilmente si potrà avere ragione.

FumareInnanzi tutto il fumo, il vero e principale nemico della salute, e i fumatori dovrebbero farsene una ragione, o meglio, dovrebbero acquisirne piena coscienza. Il fumo rende la pelle secca,  niente affatto tonica, contribuisce alla ritenzione idrica che, come ormai tutti sanno, è una delle principali cause della cellulite. La sola strada possibile è smettere di fumare, dimenticarsi per sempre della sigaretta, così che oltre alla cellulite, a giovarne sarà la salute nel suo complesso.

Le diete, anche se nell’immaginario collettivo queste aiutano a combattere la cellulite, sono invece spesso la causa della sua comparsa, in particolar modo se si tratta di diete particolarmente restrittive, iperproteiche, che possono quindi avere l’effetto opposto.  Possono infatti causare la perdita di elasticità della pelle e, al tempo stesso, favorire la ritenzione idrica, con  le immaginabili conseguenze. È necessario quindi scegliere alimenti ricchi di proteine, possibilmente quelle vegetali piuttosto che le animali, frutta secca e bere molta acqua, così da favorire la diuresi.

I pantaloni stretti che, contrariamente a quanto si possa pensare, non trattengono la cellulite e nemmeno la nascondono, anzi hanno l’effetto contrario. Infatti, impedendo la corretta circolazione e quindi un adeguato flusso di sangue, ostacolano il drenaggio, aumentando quindi i problemi di cellulite.

Una lunga e non protetta esposizione al sole in quanto secca la pelle e promuove la formazione dei radicali liberi che, come tutti sanno ormai da tempo, sono la causa dell’invecchiamento cellulare e questo vuol dire anche una pelle meno elastica, con conseguente aumento della ritenzione idrica.

Pantaloni strettiAccavallare le gambe. Se si tengono le gambe incrociate per lunghi periodi si impedisce di fatto una corretta circolazione sanguigna, un po’ quanto accade con i pantaloni stretti, per cui anche in questo caso vi è maggiore ritenzione idrica, visto che  i liquidi non riescono a defluire regolarmente. Bisognerebbe evitare le posizioni statiche, anche solo fare qualche passo durante il lavoro, anche se  la soluzione migliore è un po’ di sana attività fisica di tipo aerobico, ovvero marcia, camminata veloce, jogging.

Leggi anche

Seguici