Questo sito contribuisce
all'audience di

Quale Dieta avete già provato?

Quasi tutte le diete hanno in comune il fatto di essere particolarmente restrittive, motivo per cui le si abbandona anche con una certa facilità.

di Daniele Lisi

28 Maggio 2014



Perdere pesoQuale Dieta avete già provato? Se non lo avete ancora fatto ecco per dovere di cronaca, una carrellata di diete che negli ultimi anni  si sono affacciate, chi più chi meno con successo, nel panorama delle diete alimentari; se invece ne avete già utilizzata qualcuna e non ne siete rimasti soddisfatti, è bene ricordare che al soluzione migliore è sempre rappresentata da una sana ed equilibrata alimentazione condita da una altrettanto sana passeggiata quotidiana. In questo periodo dell’anno, con l’estate alle porte, anche se per il momento il caldo, quello vero,  quello che invita ad andare al mare, si potrebbe dire che è ancora latitante, tranne forse qualche prima avvisaglia dei giorni scorsi, neppure tanto convinta, il pensiero di dover perdere necessariamente e anche in fretta i chili che, in un modo o nell’altro, si sono messi su durante l’inverno, per molti sta diventando il primo pensiero, una vera preoccupazione.

Diventa quindi naturale pensare per prima cosa ad una dieta, perché la si considera la soluzione migliore, quella in grado di assicurare in poco tempo la perdita di quei chili di troppo che ormai ci si è quasi  abituati a portare a spasso tutti i giorni. Un conto è portarli sotto il cappotto, tutt’altra cosa è sfoggiarli, si fa per dire, in costume, per cui è necessario farli scomparire al più presto. L’errore di fondo è rappresentato dal fatto che quasi sempre queste diete sono eccessivamente  restrittive, molto spesso iperproteiche, e altrettanto spesso, una volta sospese, fanno riprendere rapidamente i chili persi con l’aggiunta degli interessi. Ma vediamo appunto quali sono queste diete che vanno per la maggiore.

Dieta AtkinsLa dieta A Zona. Questa dieta si basa si di un consumo giornaliero proporzionale di proteine, carboidrati e grassi che vanno suddivisi  in blocchi, sistema che secondo il suo ideatore ne faciliterebbe il calcolo, mentre in molti casi si tratta di una impresa non da poco.  Il calcolo si rende necessario perché, affinché la dieta funzioni, è necessario rispettare rigidamente determinate proporzioni.

La dieta Atkins. Questa dieta, al pari di altre iperproteiche,  fa ricorso agli alimenti ricchi di proteine e vieta il consumo di carboidrati, ma si tratta di una dieta particolarmente drastica, che oltre tutto è sconsigliata perché sbilanciata a favore delle proteine, condizione che determina un superlavoro di fegato e reni, con tutti i rischi che questo comporta.

La dieta Ducan. La nota dieta inventata dal medico francese Ducan, tra l’altro sospeso dall’ordine dei medici di Parigi per alcune sue a dir poco originali idee, si basa anch’essa su alimenti  proteici,un numero molto esiguo di carboidrati e una serie di alimenti che sono completamente banditi, tra cui anche diverse verdure. Anche in questo caso si tratta di una dieta che ha molte controindicazioni, tanto è vero che è sconsigliata a chi soffre di problemi renali o epatici, per cui come tutte le diete che non sono fruibili da tutti, desta come minimo qualche perplessità.

La dieta della Mela. Si tratta di una dieta semplicissima che non richiede, come invece accade con molte altre, particolari sacrifici, ma che riesce in poco tempo a far perdere qualche chilo, niente di particolarmente significativo sia chiaro, ma quanto basta per chi ha pochi chili di troppo da eliminare.

Ci siamo limitati ad elencare le più note o anche semplicemente quelle meno bizzarre, perché nell’universo delle diete che si trovano facilmente in rete, ve ne sono alcune che veramente lasciano molto più che perplessi. La soluzione migliore, comunque, non è certamente quella di fare ricorso ad una dieta che, in molti casi, nel lungo periodo potrebbe rappresentare un serio rischio per la salute, senza Dieta Ducanpoi considerare anche che il vero limite di tutte le diete è rappresentato da fatto di essere troppo restrittive, per cui le si abbandona anche con una certa facilità.

Ecco quindi, come detto all’inizio, che è meglio dare una rivisitata al proprio regime alimentare abituale, eliminando alcuni alimenti e limitandone altri, senza poi dimenticare anche un po’ di sana attività fisica di tipo aerobico.

Leggi anche

Seguici