Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Il Caffè dopo i pasti combatte il Diabete

Quella tazzina di caffè dopo i pasti che piace a così tanti italiani fa anche bene evita il diabete. Lo Sapevi?

di Redazione

04 Maggio 2014



Consumare regolarmente il caffè aiuta combattere il diabete. Sulla funzione contrastante del caffè sul diabete sono stati condotti numerosi studi che hanno evidenziato come questa bevanda può ridurre il rischio di sviluppare il diabete, una delle malattie croniche più diffuse al mondo.

L’Istituto nazionale di ricerca sugli alimenti e la nutrizione, il cui acronimo è IRAN, ha terminato, di recente, un’indagine grazie alla quale si è notato che il caffè può intervenire sull’assimilazione dei carboidrati, abbassando le possibilità di andare incontro al diabete. I dati dello studio andranno ulteriormente approfonditi per arrivare a chiarire, definitivamente, quale sia il ruolo di alcuni composti presente nel caffè che potrebbero limitare l’attività degli enzimi che vengono chiamati in causa durante la digestione dei carboidrati. La ricerca dell’IRAN si riferisce, al momento, soltanto al diabete di tipo 2 e ha preso l’avvio dalla verifica che i soggetti che consumano caffè dopo il pasto abbiano un incidenza minore di casi di diabete. Secondo gli studiosi  alcune sostanze riuscirebbero a mantenere stabile la glicemia nel momento postprandiale infatti, la loro azione è possibile soltanto se carboidrati e caffè fanno parte dello stesso pasto.

Se quanto ipotizzato venisse confermato da successivi studi si potrebbe evidenziare che, per noi italiani, si tratta di un’abitudine che proviene dal passato. Infatti, seppur in modo inconsapevole, da sempre, si è usato servire il caffè dopo aver terminato di mangiare soprattutto se il pasto è particolarmente ricco.

Sul rapporto fra il caffè ed il diabete di tipo 2 è stata condotta una ricerca anche dall’Università di Los Angeles. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica “Diabetes”, ha analizzato il ruolo del caffè nei confronti della glicoproteina SHBG che movimenta gli ormoni sessuali che pare possano prevenire l’insorgenza del diabete. I risultati hanno portato a concludere che per chi consuma circa quattro tazze di caffè al giorno le possibilità di avere il diabete si dimezzano anche se l’indagine riguarda, esclusivamente, rappresentati del sesso femminile.

Leggi anche

Seguici