Questo sito contribuisce
all'audience di

Non sottovalutare la Stanchezza, potrebbe essere un Sintomo di queste Malattie

La stanchezza, soprattutto se perdurante nel tempo, potrebbe essere il sintomo di un disturbo che va affrontato con decisione.

di Daniele Lisi

23 Aprile 2014



StanchezzaNon sottovalutare la Stanchezza, potrebbe essere un Sintomo di alcune malattie, come del resto invece potrebbe essere semplicemente un malessere passeggero, dovuto ad una serie di fattori di varia natura. Una cattiva qualità del sonno può essere alla base di un po’ di stanchezza, soprattutto poi se non si dorme bene, e a sufficienza, per alcuni giorni consecutivi. Questo non vuol dire che si soffra di qualche particolare patologia, tuttavia bisogna cercare di rimuovere le cause della mancanza di riposo, come ad esempio una camera da letto poco accogliente perché, semmai, troppo calda, soprattutto con l’avvicinarsi della bella stagione, o troppo rumorosa o male oscurata. O ancora, per colpa dell’allergia che ormai è alle porte per tutti coloro che soffrono di questo disturbo, o semmai perché il materasso ha ormai fatto il suo tempo e non è più in grado di fare completamente il suo mestiere.

Insomma, tante possono essere le cause di un po’ di stanchezza, e fin quando si tratta di quelle appena elencate come esempio, tutto  si risolve facilmente, è possibile ricreare le condizioni migliori senza troppi problemi. Altra cosa quando alla base di una certa stanchezza, soprattutto poi se perdura nel tempo, vi sono alcuni disturbi o patologie che, in questo caso, vanno indagate perché potrebbero anche essere causa di altri problemi. Potrebbe, per esempio, essere causa della tiroide, di un suo cattivo funzionamento, anche se un disturbo del genere è difficile da diagnosticare perché la sintomatologia è spesso varia, non univoca. Potrebbe trattarsi di ipotiroidismo, condizione che può essere accertata  con un esame del sangue che misura i livelli degli ormoni tiroidei.

StanchezzaIl responsabile potrebbe anche essere un nodulo alla tiroide, o anche qualcosa di meno simpatico, per cui è bene rivolgersi al proprio medico che saprà quali esami prescrivere per accertare la natura del disturbo così da poter intervenire nella maniera corretta. Potrebbe trattarsi di depressione, altro disturbo molto difficile da accertare, che spesso come primo sintomo ha proprio una stanchezza generalizzata e inspiegabile. Una persona depressa è stanca fino a 4 volte di più rispetto ad una persona che non soffre di depressione, e quindi questa stanchezza può essere, in alcuni casi, addirittura invalidante. Affrontare questo disturbo non è cosa semplice, anche perché solitamente le persone non lo accettano, tendono a negarne l’esistenza e, fin dove possibile, ad ignorarlo. Anche in questo caso è il medico a poter risolvere il problema.

Può essere il sintomo di una carenza di ferro o vitamine, condizione che può essere accertata con un semplice esame del sangue, quindi facilmente risolvibile. In caso di insufficienza di vitamina D o vitamina B12, alla stanchezza generalizzata, si associa solitamente anche una debolezza muscolare, per cui il senso di spossatezza è pressoché totale,  decisamente severo. Si tratta in tutti i casi di una condizione facilmente reversibile, sempre che non sia sostenuta da qualche altra patologia, perché basta dare una aggiustata all’alimentazione, semmai anche con l’aiuto di qualche integratore specifico, per rimettere rapidamente le cose a posto.

Potrebbe, infine, trattarsi di una sindrome da stanchezza cronica, condizione assai difficile da diagnosticare, di cui soffrono 300.000 persone in Italia. Si tratta di un disturbo, o meglio, di una vera e propria patologia, spesso invalidante, di cui si parla Stanchezzapoco, in grado anche di mettere in seria difficoltà la vita sociale e lavorativa di chi ne soffre.  Per valutare correttamente se si tratta di questa malattia, bisogna soffrire di fatica almeno da 6 mesi, fatica che spesso è accompagnata anche da altri sintomi quali cefalea, sonno che non ristora, dolori muscolari e articolari, problemi di memoria, mancanza del desiderio di fare alcunché, insomma ci si sente veramente a terra. Anche in questo caso, la soluzione, anche se non si tratta di un percorso facile, è affidata al medico.

Leggi anche

Seguici