Questo sito contribuisce
all'audience di

Come cuocere la Carne alla Griglia affinché non diventi Cancerogena

Come preparare la carne alla griglia senza che essa possa diventare cancerogena.

di Redazione

17 Aprile 2014



Nella prevenzione di importanti malattie bisogna prendere in esame gli alimenti, la loro provenienza ed il metodo di cottura. La grigliatura è una cottura molto utilizzata, soprattutto durante la bella, per la carne perchè garantisce un risultato particolarmente gradito.

La cottura della carne alla griglia presenta, secondo alcuni studi, degli aspetti negativi, specialmente  a lungo termine , soprattutto se non vengono seguite alcune regole.
Il problema principale di questo metodo di cottura è determinato da alcune sostanze che, a causa delle altissime temperature, possono trasformarsi in cancerogene provocando lo sviluppo di tumori allo stomaco e al pancreas.

Durante la grigliatura, la parte più grassa della carne si scioglie e a contatto con la brace può dare origine ad idrocarburi pericolosi; inoltre, bisogna considerare che i grassi hanno la tendenza ad idrogenarsi, trasformandosi in prodotti potenzialmente dannosi.

Per evitare che la carne cotta alla griglia diventi cancerogena è bene non acquistare tagli troppo abbondanti, sia perchè si rischia che il prodotto non venga accuratamente cotto con il rischio che non sia salubre sia perchè si limitano i tempi. Inoltre, bisogna porre molta attenzione all’evitare che si formino parti carbonizzate e bruciate.

Il cibo può anche essere prima passato in una soluzione di olio spezie che, oltre a conferire maggior sapore, aiuta a formare una sorta di strato sulla carne evitando la formazione di sostanze pericolose per la salute. Su questo punto però, non tutti gli esperti concordano infatti, bisogna sapere che anche l’olio, quando raggiunge determinate temperature supera il punto di fumo modificandosi con possibili danni per la salute.

Durante la preparazione è fondamentale impegnarsi per controllare costantemente il cibo, girandolo molto spesso in modo che la cottura sia uniforme e non eccessivamente prolungata.
Un buon metodo è quello di provare con la cottura su pietra, come quella ollare che permette di evitare che la carne si bruciacchi sviluppando idrocarburi.

Il consiglio è comunque quello di variare le preparazioni, cercando di privilegiare la cottura al vapore, quella al forno o in umido.

Leggi anche

Seguici