Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Come evitare i Tumori, pochissime persone al mondo sanno che…

Le cellule tumorali prosperano in ambiente acido e oltre tutto povero di ossigeno, mentre le cellule sane necessitano di ossigeno e di un pH alcalino.

di Daniele Lisi

15 Aprile 2014



Scala PhCome evitare i Tumori, pochissime persone al mondo sanno che nel 1931 lo scienziato tedesco Otto Heinrich Warburg è stato insignito del premio Nobel per la sua scoperta della causa primaria del cancro. Secondo la sua teoria, il cancro è la conseguenza di una errata alimentazione e di un altrettanto errato stile di vita in quanto determinerebbero quello che lui definisce uno stato anti-fisiologico, il tutto determinato dal fatto che l’organismo si trova in un ambiente acido, la condizione ideale per la sopravvivenza e la proliferazione delle cellule tumorali. Questa condizione si verifica per colpa sia di una errata alimentazione che di una vita sedentaria, per cui modificando il proprio stile di vita e, quindi, anche il regime alimentare, si potrebbe combattere il cancro con successo.

L’ambiente acido si viene a determinare  perché nelle cellule vi è una carenza di ossigeno, condizione che causa appunto l’acidosi cellulare, per cui, secondo lo scienziato tedesco, le due cose sono come le due facce di una stessa medaglia, sono in stretta relazione tra loro, l’una non può esistere senza l’altra, e viceversa. Le sostanze nutritive che vengono assunte con l’alimentazione, determinano quindi lo stato di acidità o alcalinità dell’organismo, stato che viene misurato con il pH che va da 0 a 14, per  cui ad un valore 7  corrisponde un pH neutro. Una persona in buone condizioni di salute ha un pH di 7,4-7,5, e se questo valore scendo al di sotto di 7, si entra in coma.

LimoneOra è importante che il pH sia appunto di poco superiore al 7, come indicato in precedenza, quindi  deve essere leggermente alcalino. È necessario a questo punto, sempre secondo lo scienziato tedesco, assumere alimenti  alcalinizzanti, perché solo in questo modo è possibile contare su di una condizione di salute molto più che soddisfacente, allontanando oltre tutto sensibilmente il rischio cancro. Le cellule tumorali prosperano in ambiente acido e oltre tutto povero di ossigeno, e come detto in precedenza, le due condizioni sono in stretta relazione tra loro, mentre le cellule sane necessitano di ossigeno e di un pH alcalino. Ecco che l’alimentazione è la chiave di volta per poter contare su di una buona salute.

Gli alimenti da evitare o da limitare al massimo in quanto fonte di acidità sono lo zucchero raffinato, la carne,  alimenti di origine animale in generale, sale raffinato, farina raffinata, pane, margarina, caffeina, alcolici, tabacco, antibiotici, alimenti cotti, alimenti in scatola contenenti additivi di qualsiasi genere.

Vi sono poi gli alimenti alcalinizzanti e, tra questi, il primo in assoluto il limone, tutte le verdure crude, la frutta, i cereali integrali, naturalmente l’acqua in quanto ricca di ossigeno. Viene poi l’attività fisica in quanto il movimento ossigena l’organismo. In sostanza, secondo lo scienziato tedesco, ma anche secondo altri studiosi, l’ideale sarebbe avere un’alimentazione al 60% alcalina, senza tuttavia tralasciare anche qualche alimento che determini acidità in modo da mantenere il pH in equilibrio che, come detto in precedenza, corrisponde ad un valore del 7,4-7,5.

Molti sono gli studiosi che hanno sposato questa teoria. Infatti si parla sempre con maggior frequenza della necessità di combattere contro l’acidificazione Verduradell’organismo, anche perché l’invecchiamento, i disturbi, le malattie, sono in buona misura una conseguenza di una condizione di acidità dell’organismo. Lo stesso Prof. Veronesi  raccomanda  di adottare quella che ormai è per lui una vecchia sana abitudine, ovvero di bere di primo mattino il succo di un limone disciolto in un bicchiere di acqua tiepida, perché il limone è appunto un eccellente alcalinizzante, e detto da lui che ha dedicato la sua vita professionale alla lotta contro il cancro, vale in un certo senso come conferma di quanto appena detto.

Leggi anche

Seguici