Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Meglio camminare o correre per dimagrire?

Correre o camminare, l'eterno dilemma, ma anche alla luce di recenti ricerche camminare è sicuramente da preferirsi.

di Daniele Lisi

25 Settembre 2013



meglio camminare o correre

Meglio camminare o correre per dimagrire? L’eterno dilemma che come al solito vede due scuole di pensiero differenti che propendono, ciascuna, per una delle due  attività fisiche. Sia correre che camminare fanno bene, si tratta di entrambi i casi di attività fisica di tipo aerobico o cardiovascolare che è poi quella più adatta a perdere peso, ma non solo, perché i vantaggi per  l’organismo non si esauriscono certo con il controllo del peso corporeo.

CorrereCuore, pressione sanguigna, colesterolo, muscoli, ossa, prevenzione del diabete, sono tutte cose cui la corsa o il camminare fanno un gran bene, tuttavia, se proprio vogliamo fare una scelta, bisogna dire che la camminata è la più indicata.

Il motivo per cui sarebbe opportuno  propendere per la camminata  è che la corsa sollecita maggiormente ginocchia, caviglie, schiena in quanto la corsa prevede anche una fase così detta di volo, ovvero quando si è completamente sollevati, anche se di poco, dal terreno e questo prevede anche una fase di atterraggio in cui sono maggiormente sollecitate tutte le articolazioni e, in particolare, ginocchia e caviglie che devono quindi sopportare uno sforzo maggiore. Questo nella camminata non accade, ed è questo appunto il suo punto di forza rispetto alla corsa.

Una recente ricerca i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Arteriosclerosis, Thrombosis and Vascular Biology dell’ American Heart Association, ricerca che si è avvalsa della partecipazione volontaria di oltre 33.000 corridori e di circa 15.000 camminatori  di età compresa tra i 18 e gli 80 anni ha rilevato che la camminata ha un valore preventivo nei confronti  dell’infarto del 9% contro solo il 4% della corsa. Ma non è tutto in quanto il colesterolo cala del 7% con la camminata rispetto al 4.2% della corsa e, più o meno, gli stessi valori per la pressione sanguigna.

CamminareQuindi, alla luce di questi risultati, la camminata è certamente da preferirsi rispetto alla corsa, ma questo non vuol dire che lo jogging faccia male, anzi, solo che è meno conveniente rispetto alla camminata a passo sostenuto. Questo vale anche se si fa questa attività fisica per perdere peso o per restare nel peso forma. Infatti, non conta tanto la velocità o il tempo, quanto la distanza coperta. Infatti, per chi si accinge per la prima volta a fare questa attività fisica, camminare consente di coprire una distanza maggiore rispetto alla corsa in quanto la seconda richiede un allenamento maggiore, per cui si andrebbe in affanno molto prima, con la conseguenza di dover sospendere l’allenamento.

Va anche detto che camminare, essendo molto meno impegnativo rispetto alla corsa, permette anche di rilassarsi maggiormente, permette di scaricare lo stress e la tensione, di sgombrare la mente dai cattivi pensieri, in sostanza di poter godere di un benessere psicofisico maggiore. E ancora, per perdere peso è necessario che l’esercizio sia continuo, senza interruzioni,  della durata di una quarantina di minuti al giorno, tutti i giorni, cosa che la corsa non consente. La maggior parte delle persone che praticano jogging  vanno più facilmente in affanno, per cui sono costrette a delle soste che, di fatto, interrompono l’attività fisica, per cui gli effetti  positivi sono decisamente meno evidenti.

Camminando questo non succede, anzi, solitamente chi cammina, anche se a passo leggermente più sostenuto del normale, non deve fermarsi se sopraggiunge un po’ di stanchezza, ma basta rallentare per ritrovare la giusta Passeggiare nella naturacondizione per poter continuare.  L’importante in tutti i casi è scegliere un percorso piacevole, ovviamente lontano dal traffico, possibilmente nel parco cittadino o in un luogo a contatto con la natura, cercando di variare sempre il percorso, anche solo invertendo il senso di marcia, giusto per non dover fare sempre il solito percorso che alla fine potrebbe risultare monotono e, quindi, meno piacevole.

Leggi anche

Seguici