Quanta carne si può mangiare ogni giorno

La carne andrebbe consumata con estrema moderazione dal momento che rappresenta un serio rischio cancerogeno.

CarneQuanta carne si può mangiare ogni giorno? Poca, anzi pochissima, quasi niente, perché è ormai un dato di fatto che la carne rappresenta un serio rischio cancerogeno. Eppure  sul web  si trovano con estrema facilità consigli su carne alternativa, carne di tutti i tipio, come carne di bisonte, canguro, asino, cavallo, canguro e chi più ne ha più ne metta, ma si perde di vista il concetto essenziale, o meglio, una verità inconfutabile, ovvero che la carne va mangiata con estrema cautela, non più di 4-5 volte al mese, quindi parlare di giorni è decisamente anacronistico. È pur vero che le proteine della carne sono le così dette proteine nobili, quelle importanti per la crescita e per lo sviluppo, ma è altrettanto vero che vi sono tanti altri alimenti che sono fonte di proteine alternative, che vanno ugualmente bene.

I legumi, per esempio, sono un eccellente sostituto della carne in quanto forniscono anch’essi le proteine necessarie all’organismo. La credenza che le proteine vegetali non contengono gli stessi amminoacidi essenziali che servono all’organismo è ormai stata sfatata da recenti ricerche. I legumi, infatti forniscono gran parte degli amminoacidi essenziali, mentre quelli complementari vengono forniti dai cereali, per cui basterebbe una associazione dei due alimenti per coprire adeguatamente il fabbisogno dell’organismo, senza quindi dover fare ricorso alle così dette proteine nobili della carne.

Continuare quindi a considerare la carne an alimento fondamentale per l’alimentazione è errato. Come detto in precedenza, la carne andrebbe assunta con molta cautela, sia che si tratti di carne rossa che di carne bianca, e del resto è la stessa OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità a raccomandarne un consumo del tutto occasionale, non più di 4-5 volte al mese. Senza contare poi il problema di ordine etico, ossia se sia giusto allevare ed uccidere altri esseri viventi, senzienti, quando è possibile ricorrere ad alimenti alternativi, ma questa è un’altra storia.

Non a caso in Italia è in continuo aumento il numero dei vegetariani,  e anche dei vegani, così come sono sempre più i ristoranti che propongono anche menù vegetariani per soddisfare le richieste degli avventori che non ne vogliono proprio sapere di mangiare la carne.  Ma oltre ai legumi, vi sono ancora una infinità di alimenti alternativi in grado di fornire tutte le proteine e vitamine necessarie all’organismo. Tofu, soia e altri alimenti alternativi, sono ormai entrati prepotentemente nelle case degli italiani, anche se oggettivamente reperirli non è estremamente semplice, visto che non tutti i supermercati  sono dotati di un sufficiente assortimento.

Che la carne faccia male lo dimostrano, oltre diverse rigorose ricerche scientifiche, anche alcune ricerche epidemiologiche. Un esempio su tutti. Nelle donne orientali l’incidenza del tumore al seno  è molto più bassa rispetto alle occidentali, perché la loro alimentazione è più orientata al consumo di pesce, crostacei e prodotti della pesca, tuttavia, le donne che si trasferiscono stabilmente in occidente e acquisiscono le abitudini alimentari del posto, fanno registrare una inversione di tendenza molto marcata, con un significativo aumento dell’incidenza di tumore al seno. Un conferma  sul campo di quanto, ormai da tempo, dicono gli esperti.

Quindi, la soluzione migliore per cercare di mantenersi in buona salute e di ridurre drasticamente il rischio cancro, è quella id limitare al massimo il Pasta e fagioliconsumo di carne, attenendosi quindi alle raccomandazioni dell’OMS, raccomandazioni che molti dietologhi e nutrizionisti stanno facendo proprie. Le alternative alla carne esistono, basta solo conoscerle e cominciarle ad utilizzare in cucina, quindi tofu, soia e altro ancora, perché i legumi non hanno certamente bisogno di presentazioni. Sono ben noti, in alcune regioni del paese, determinati piatti che godono della massima considerazione come, ad esempio, la classica e gustosissima pasta e fagioli.

Daniele Lisi

Leggi Anche


avatar Articolo scritto da Daniele Lisi il 17/09/2013
Categoria/e: Alimenti e Cucina Sana, Primo Piano.



Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Newsletter di Tutta Salute

Resta in forma! Ricevi le nostre notizie nella tua E-Mail





SpotLight

Collegati | Copyright 2009-2014 TuttaSalute.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655