Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Pancia Gonfia? Mangia queste verdure e la pancia torna piatta

Pancia gonfia, il solito problema che affligge un buon numero di persone che spesso non sanno come liberarsene.

di Daniele Lisi

03 Aprile 2013



gonfiore pancia

Pancia gonfia, il solito problema che affligge un buon numero di persone che spesso non sanno come liberarsene. Le cause della pancia gonfia sono legate per lo più all’alimentazione, ma anche allo stile di vita che a volte ci mette un po’ del suo come, ad esempio l’abitudine di masticare  chewing-gum, la gomma da masticare che fa si che si ingoi una certa quantità d’aria che poi risulterà essere in buona parte responsabile del gonfiore intestinale. Ma non solo, perché anche le bevande gassate fanno la loro parte e, unite ad una alimentazione poco accorta, rendono il fastidio sempre più evidente.

Va detto che durante la digestione si producono regolarmente dei gas intestinali che però, se si mantengono entro certi limiti, vengono in tutti i casi gestiti dall’organismo ed eliminati senza che questi abbiano il tempo di produrre dei fastidi. Infatti, l’aria che si forma, viene assorbita dalla mucosa intestinale e eliminata, attraverso il circolo sanguigno, nel normale scambio gassoso che avviene  a livello bronchiale e polmonare. Tutta l’aria in eccesso, invece, resta nell’intestino e da luogo a quell’antiestetico oltre che fastidioso problema, visto che in un modo o nell’altro tale aria dovrà pur essere eliminata.

Per evitare di ritrovarsi in queste condizioni, bisogna adeguare la propria dieta alimentare, considerando anche che alcuni alimenti possono irritare il tratto intestinale con conseguente formazione di aria. Le maggiori responsabili sono per lo più le verdure che, si sa, fermentano durante la digestione e quindi producono aria, ma questo non vuol dire che debbano essere eliminate dalla dieta, tutt’altro, solo che vanno assunte nella maniera giusta.

LegumiLa soluzione migliore è quella di consumarle cotte e non crude, preferibilmente al vapore, ma vi sono alcune verdure che non vanno cotte, come la lattuga, la romana, il radicchio e tante altre che, in tutti i casi, se assunte con una certa prudenza, non danno problemi. Stesso discorso per i legumi, alcuni dei quali, i fagioli in particolare, sono da sempre associati ad una eccessiva produzione di gas intestinali. Anche in questo caso, questo non vuol dire che debbano essere eliminati dalla dieta, perché si tratta di alimenti ricchi di proteine che possono egregiamente sostituire la carne che, si ricorda, va consumata con molta moderazione, 4-5 volte al mese, secondo le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, in quanto rappresenta un serio rischio cancerogeno.

Come fare allora per risolvere il problema. La soluzione è rappresentata da alcune verdure, il finocchio in particolare, che sono dei veri e propri antigas naturali, in quanto ne contrastano la formazione, al pari di alcune spezie come il cumino, poco conosciuto e usato nella nostra cucina.
Anche la frutta può, in particolare in alcuni soggetti,  essere fonte di problemi intestinali, e in particolare alcuni frutti estivi noti per essere causa di irritazioni intestinali, quali le prugne e i fichi in particolare che, come per le verdure e i legumi, non vanno certamente eliminati dalla dieta, ma assunti con moderazione.

I più intransigenti, diciamo così, consigliano di evitare tutta la frutta contenente vitamina C, proprio perché facilita la fermentazione, ma sarebbe un errore in quanto si tratta di una vitamina indispensabile all’organismo e Finocchipoi perché si tratta di frutta che è anche ricca di fibre e di altre sostanze benefiche come i flavonoidi, antiossidanti e antinfiammatori naturali che non dovrebbero mai mancare in tavola.
Del resto, anche in questo caso, come del resto in tutte le vicende della vita, bisogna utilizzare il buon senso e adeguare la propria dieta alle necessità contingenti. Nessune è miglior medico di se stesso, nel senso che basta provare e comportarsi poi di conseguenza riducendo o aumentando, frutta e verdura, in base alle reazioni dell’organismo. Sarà così facile trovare la soluzione giusta al gonfiore intestinale.

Leggi anche

Seguici